Posizione corrente:
Dimensione carattere:

Menu principale

Mensa scolastica

Servizio comunale dedicato agli alunni della scuola elementare e media, che nei giorni in cui l'orario scolastico prevede il rientro pomeridiano, possono consumare il pasto caldo ovvero un primo, un secondo con contorno, frutta di stagione/yogurt, sotto la vigilanza degli insegnanti.

Ogni mattina gli insegnanti della prima ora fanno l'appello e ritirano il buono degli alunni che si fermeranno a pranzo in mensa.

Tariffe

  • Residenti € 5,20
  • Non residenti € 6,00

 A partire da MERCOLEDI  4 settembre 2019 i blocchetti mensa scolastica saranno in vendita presso il Municipio di Valdengo nei seguenti giorni ed orari:

MERCOLEDI DALLE 8.00 ALLE 17.00

OGNI 1° E 3° SABATO DEL MESE DALLE 10.00 ALLE 12.00

Non sarà possibile acquistare i blocchetti fuori dagli orari suddetti.

 Il pagamento potrà essere effettuato:

  •  Presentando agli uffici comunali, all’atto dell’acquisto, RICEVUTA DEL VERSAMENTO POSTALE effettuato conto corrente n. 15919137 intestato a “Comune Valdengo – Servizio Tesoreria” con la seguente causale “BLOCCHETTI MENSA SCOLASTICA 2019/20 – NOME e COGNOME ALUNNO”
  •  Presentando agli uffici comunali, all’atto dell’acquisto, RICEVUTA DEL BONIFICO BANCARIO effettuato sul conto corrente intestato al Comune di Valdengo – Servizio di Tesoreria comunale presso Intesa San Paolo Filiale di Cossato IBAN IT02J0306944430100000046008 con la seguente causale“BLOCCHETTI MENSA SCOLASTICA 2019/20 – NOME e COGNOME ALUNNO”
  •  Effettuando il pagamento all’atto dell’acquisto presso gli uffici comunali, con POS bancario

 

NON VERRANNO ACCETTATI PAGAMENTI IN CONTANTI.

 

Nel caso in cui la spesa per la mensa scolastica debba essere indicata in DICHIARAZIONE DEI REDDITI per la detrazione fiscale, si raccomanda la conservazione delle ricevute dei pagamenti, che potranno essere richieste dall’ufficio scrivente.

 Al fine di contribuire ad un’ottimale organizzazione del  servizio mensa scolastica, si deve effettuare l’iscrizione, compilando la modulistica apposita, entro e non oltre il 31 LUGLIO di ogni anno, per poter usufruire del servizio dal successivo mese di settembre.

Non verranno accettate iscrizioni oltre tale data  per questioni organizzative relative alla riserva del posto a tavola.

 

REGOLE PER LA RESTITUZIONE DEL BUONO PASTO in caso di indisposizione dell’alunno:

Nel caso in cui un alunno che ha già consegnato il buono pasto per il servizio mensa scolastica si ritiri dalla scuola durante la mattinata, lo stesso buono verrà restituito solo ed esclusivamente se l’alunno lascerà la scuola entro le ore 9.00, prima che venga inoltrato l’ordine alla ditta fornitrice dei pasti.

Nessun buono mensa verrà quindi restituito ad alunni che, per qualsiasi motivo, lascino la scuola dopo le ore 9.00.

Nel caso in cui l’alunno dimentichi di portare il buono da consegnare per poter mangiare in mensa, verrà comunque ammesso al servizio, ma dovrà consegnare il buono entro il giorno successivo.

DIETE SPECIALI

Gli alunni iscritti al servizio mensa scolastica che sono soggetti ad allergie e/o intolleranze alimentari, o seguono un regime dietico dettato da motivazioni religiose o etiche (es. vegetariano) possono usufruire di pasti personalizzati.

In base a precise prescrizioni dell’ASL per le diete speciali è necessario recarsi nel più breve tempo possibile PRESSO GLI UFFICI COMUNALI, per compilare un apposito modulo di richiesta di dieta speciale, che dovrà essere CORREDATO DAL CERTIFICATO MEDICO (non è valido il certificato consegnato l'anno scolastico precedente, eccetto quello per patologie di natura genetica specificate di seguito).

Come da apposita circolare dell’ASL BI, si precisa che:

Le diete dovranno essere formulate da personale adeguatamente formato (pediatri, dietiste, dietologi, nutrizionisti, allergologi) facente capo alle diverse strutture coinvolte (Azienda Sanitaria Locale, Amministrazione Comunale, Direzione Scolastica, Gestore del servizio ) e sottoposte a valutazione/autorizzazione da parte del personale dei SIAN. 

NON SONO PERTANTO RITENUTI VALIDI I CERTIFICATI MEDICI DEL MEDICO DI FAMIGLIA.

La certificazione medica, per essere presa in considerazione, deve indicare in modo preciso:

  • la DIAGNOSI (allergia, intolleranza, obesità, diabete, celiachia,ect. )
  • la DURATA della dieta (questa non deve essere superiore all’anno scolastico in corso).

N.B. Una DEROGA a tale indicazione può essere data esclusivamente nel caso di patologie di natura genetica; pertanto i genitori degli alunni affetti da queste ultime (celiachia, favismo, fenilchetonuria, ect.) se hanno già portato il certificato nell'anno scolastico precedente, devono soltanto compilare il modulo apposito disponibile presso gli uffici comunali e verrà considerata valida la documentazione medica in possesso dell’ufficio competente.

Nel caso di diagnosi di ALLERGIA e INTOLLERANZA la certificazione medica deve inoltre indicare in modo chiaro il/i componente/i della dieta da escludere, specificando quindi:

  • l’alimento o gli alimenti vietati
  • gli additivi e i conservanti.

Si ricorda che quando si vieta un alimento, verrà escluso dalla dieta:

  • l’alimento tal quale (uova,latte,arachide, ……);
  • i prodotti alimentari in cui tale alimento è presente come coadiuvante tecnologico o come contaminante derivante dal procedimento di lavorazione del prodotto stesso.

Si precisa che:

  • NON SONO ACCETTABILI indicazioni generiche che possono causare confusione nella scelta degli alimenti da escludere: ad esempio indicare una categoria merceologica o commerciale come cereali, latticini, semi, tuberi, legumi…; oppure escludere una preparazione gastronomica e non gli ingredienti da cui questa è prodotta (ad esempio sugo al pesto, frittata alle verdure, ravioli, pesce impanato….).
  • NON SONO RITENUTI VALIDI certificati contenenti diagnosi non specifiche, ma indicazioni generiche come non gradisce…rifiuta…è ipersensibile…non assume….

 

Un discorso a parte meritano le variazioni in caso di esigenze particolari per motivazioni religiose ed ideologiche (religione musulmana, vegetariani, ecc. ): in questi casi è sufficiente una richiesta scritta da parte del genitore al Responsabile dell’Ufficio Comunale competente o alla scuola, non essendo necessario alcun certificato medico.

 

NON POSSONO ACCEDERE ALLA MENSA SCOLASTICA ALUNNI CON DIETE SPECIALI PER I QUALI NON SIA STATA CONSEGNATA LA DOCUMENTAZIONE SUDDETTA ALMENO LA SETTIMANA PRIMA DEL PRIMO PASTO IN MENSA.